CNA - Associazione della Città Metropolitana di Torino - coronavirus-agroalimentare-chiarimenti-dpcm-e-ordinanze-regionali
Coronavirus: Agroalimentare, chiarimenti DPCM e Ordinanze regionali


Il DPCM del 03/11/202 entra in vigore il 5 novembre ed avrà validità sino al 3 dicembre.

Stabilisce che su tutto il territorio nazionale: dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

La norma stabilisce 3 tipologie di aree territoriali, caratterizzate da scenari di gravità differente.

Il provvedimento stabilisce per aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto (quale al momento il Piemonte) che a far data dal giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale di specifica ordinanza del Ministero della Salute, nelle Regioni ivi individuate sono applicate le seguenti misure di contenimento

-          è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al comma 1, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

-          sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l'accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi.
[..] Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie;

-          sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;

Le ordinanze del Ministero della Salute sono efficaci per un periodo minimo di 15 giorni e comunque non oltre la data di efficacia del Decreto (3 dicembre 2020).

Per le attività da ASPORTO esercitabili fino alle 22, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze si ricorda che, sentito il MISE, viene confermato quanto già indicato nel mese di maggio relativamente allo svolgimento dell’asporto ovvero:

  • è consentito l’accesso nei locali, uno alla volta o seconda diversa indicazione del gestore (es. attesa all’ingresso).
  • non va consentito l’avvicinamento al bancone
  • rispetto delle distanze interpersonali di almeno un metro al di fuori del locale e con mascherine sempre indossata.
  • (Dopo le 21.00 non è più possibile vendere alcolici per asporto (per effetto del decreto regionale))

Per ulteriori informazioni si rimanda alle FAQ del Governo 

CNA Agroalimentare invita i consumatori a consultare i link di seguito riportati per conoscere l'elenco delle aziende artigiane, associate alla CNA, suddivise per categorie che portano a domicilio le proprie prelibatezze. :

- Pizza
- Birra
- Pasta, gastronomia, vino
- Cioccolato
- Pane, salumi, empanadas
- Pasticceria e gelato


Allegati

Eventi




Intervista TGR Piemonte, 27 aprile 2020, Presidente CNA Torino Nicola Scarlatelli sulla decisione di posticipare ulteriormente la riapertura di parrucchieri e centri estetici
          

         

CNA - Associazione della Città Metropolitana di Torino - Via Millio 26 10141 Torino (To) - Italia
Tel. +39.011.1967.2111 - Fax +39.011.1967.2194 - 2192 - 2251 - P. Iva 06611450013 Cod. Fiscale 80082230014
Informativa Privacy CNA Torino - Informativa Legge 124/2017