CNA - Associazione della Città Metropolitana di Torino - fatturazione-elettronica-con-cna-pi-facile
Fatturazione elettronica: con CNA è più facile


CNA è in grado di coadiuvare l’impresa a fronte di qualsiasi esigenza legata al nuovo adempimento: dalla semplice ricezione e conservazione all’emissione, dalla compilazione alla trasmissione telematica, fino alla fornitura di programmi informatici che gestiscono tutto il ciclo di fatturazione partendo dal documento di trasporto o, a richiesta, addirittura dall’ordine. Insomma, per quanto l’adempimento sia nuovo, complicato e richieda un notevole bagaglio tecnologico, CNA è in grado di mettere gli associati in condizione di gestirlo. 

Dal 1° gennaio 2019 la fatturazione elettronica tra imprese, salvo poche eccezioni, è diventata obbligatoria per tutti i soggetti Iva. Ad esclusione delle imprese in regime forfettario o nel regime dei minimi, tutti gli altri soggetti Iva dovranno dotarsi di sistemi per l’emissione di fatture elettroniche; per quanto riguarda l’emissione di fatture elettroniche tutti, compresi i minimi e i forfettari, dovranno mettersi in condizioni di ricevere e conservare le fatture elettroniche.

Non bisogna pensare che la nuova fatturazione elettronica tra imprese sostituisca la fatturazione elettronica nei confronti della pubblica amministrazione: i due sistemi convivranno, ognuno con le proprie regole e particolarità; sopravvivrà anche la fatturazione su carta, sia in entrata che in uscita, ma solo in determinati casi: fatture emesse da soggetti forfettari o minimi e fatture da e verso l’estero. Ma cos’è la fattura elettronica?

La fattura elettronica è un file in formato “.xml” che viene compilato da chi la emette, viene inviato in via telematica, passa attraverso un sistema controllato dall’Agenzia delle entrate che lo verifica (e lo memorizza) e viene ricevuto dal destinatario. In tutti questi passaggi, la fattura deve mantenere la forma originaria senza subire alterazioni.

Il valore fiscale di questa fattura è nel suo essere in formato elettronico e in questo stato deve essere conservata attraverso particolari processi informatici, la sua rappresentazione su carta non ha nessun valore. Inoltre, il formato elettronico della fattura deve rispettare i tracciati stabiliti dall’Agenzia delle entrate. Per i soggetti titolari di partita Iva, quindi, si pone il problema di emettere fatture che siano rispettose dei formati previsti dalla legge, che siano correttamente incanalate telematicamente, che giungano a destinazione e che siano conservate a norma di legge; se anche solo una di queste fasi non è svolta correttamente, la fattura viene considerata omessa e sanzionabile con importi che vanno dal 90% al 180% dell’Iva esposta.

Info: uffici territoriali CNA.

CNA STORIE
L'intervista del mese: D'Idee di Marco Sacco







Eventi





          

         

CNA - Associazione della Città Metropolitana di Torino - Via Millio 26 10141 Torino (To) - Italia
Tel. +39.011.1967.2111 - Fax +39.011.1967.2194 - 2192 - 2251 - P. Iva 06611450013 Cod. Fiscale 80082230014
Informativa Privacy CNA Torino - Informativa Legge 124/2017